BOHEMERLAND / ĆECHIE – anno 1927

BOHEMERLAND / ĆECHIE – anno 1927

Produttore: Albin leibisch, Kunratice - Śluknov, Cecoslovacchia

W 1924 anno, nella città della Boemia settentrionale di Krasna Lipa, Albin Leibisch ha lanciato la produzione di motociclette, che, accanto ai veicoli Mego-la e Ner-a-Car, sono stati probabilmente tra i più peculiari dell'intera storia dello sviluppo motociclistico. Questi veicoli, successivamente prodotto a Kunratice, sono stati venduti in Germania con il nome di Bóhmerland, e in Cecoslovacchia anche sotto il nome di Ćechie.

In anni 1924-1939 fatto – con piccole modifiche - una serie molto piccola di queste motociclette, ma in molte varietà. Il propulsore del Bóhmerland era un motore a quattro tempi monocilindrico, con valvola in testa OHV e camera di combustione semicircolare, con spostamento 598 cm3 (corsa del pistone 120 mm, diametro del cilindro 80 mm) e potere 11,8 kW (16 KM) a 3000 rpm. Nei modelli successivi, la potenza è stata aumentata a 17,7 kW (24 KM) a 3600 rpm. Il motore di questa motocicletta non si è distinto per nulla, quella lunga meritava attenzione, corto, struttura a traliccio a doppio telaio, permettendo a due persone di sedersi comodamente - su una lunga, una doppia sella - e una terza - su una sella separata sopra la ruota posteriore. C'erano serbatoi di carburante su entrambi i lati della ruota posteriore, di una capacità 5 litri ciascuno.

Il modello z 1927 anni avevano un motore di potenza 11,8 kW (16 KM) e un cambio Sturmey-Archer o Hurth a tre velocità. Le ruote a disco sono state fuse da una lega di alluminio. Motocicletta massiccia e resistente con un peso a vuoto 180 kg stava sviluppando la velocità massima 95 km / h. Il produttore ha specificato il consumo di carburante come 5-7 litri per 100 km.

Albin Leibisch ha creato diverse versioni estese, che, oltre all'autista, poteva trasportare tre persone. Due cambi sono stati installati in questo veicolo unico (secondo cambio - probabilmente un riduttore, destinato alle zone montuose del confine ceco - doveva essere servito dal primo passeggero). Altra particolarità era la forcella anteriore estremamente pesante e complessa con ammortizzatori a frizione e lo stivale, chi stava guidando, che la motocicletta era lunga quasi tre metri. Le motociclette tecniche sono state verniciate nella seguente combinazione di colori: giallo con verde, dal giallo al rosso o dal giallo al nero.

Nonostante il, forse a causa di, A causa del loro design insolito, le motociclette di questo marchio non hanno mai raggiunto la popolarità attesa dall'azienda (fatto 1000 copie). W 1939 Nell'anno sono stati interrotti. Alcuni degli esemplari sopravvissuti fino ad oggi sono tra le rarità da collezione.