ĆZ 76 – anno 1932

ĆZ 76 – anno 1932

Produttore: Ćeska Zbrojovka AS., Strakonice, Cecoslovacchia

Ignatius Uhl, il principale costruttore del reparto motociclette di Ćeska Zbrojovka ha contribuito in modo significativo all'avvio della produzione di motociclette in questo stabilimento. Primo, sperimentale, il veicolo dell'azienda era in realtà una bicicletta di cilindrata pesante 60 cm3, attaccato alla forcella anteriore e guidando direttamente la ruota anteriore (nessuna cintura o catena coinvolta). I lavori di costruzione di questo modello sono iniziati a Strakonice già nel 1930 anno, ma la moto motorizzata non si è comportata bene nei test ride.

W 1932 Nell'anno è stata costruita una motocicletta leggera con una cilindrata 76 cm3, che è entrato in produzione in serie. La serie è stata lanciata nel primo anno di produzione 450 pezzi di questo veicolo. Centralina moto – due tempi, motore monocilindrico con potenza 1,5 kW (2 KM) a 3500 rpm è stato montato in un unico telaio tubolare, biforcuta sul retro. Il sistema di accensione era del tipo a magnete. La moto è stata avviata utilizzando i pedali. La ruota posteriore non sospesa guidava la catena. Sospensioni anteriori, con una forcella oscillante, è stata sospinta da una molla elicoidale. Il veicolo aveva un peso a vuoto 40 kg e ha sviluppato la velocità massima 40 km / h. Il consumo di carburante era 2 litri per 100 chilometri.

La pratica ha dimostrato, tuttavia, che la potenza del motore è insufficiente, soprattutto in terreni montuosi. Pertanto, in 1933 Nell'anno, un nuovo motore con una capacità di 98 cm3 e potenza 1,8 kW (2,5 KM) a 3800 rpm, di cui era dotata la motocicletta ĆZ. Questa capacità (non superiore a 100 cm3) nasceva dalla volontà di adeguarsi alle normative di allora, privilegiando motociclette di classe leggera a 100 cm3. Altri elementi del veicolo sono stati migliorati: CZ ha ricevuto un cambio manuale a tre velocità e freni a tamburo su entrambe le ruote. Questo veicolo ha migliorato il peso a vuoto 48 kg stava sviluppando la velocità massima 60 km / h.

Motocicletta contrassegnata con ĆZ 98 compare nel programma di produzione dello stabilimento di Stracon, anche nel secondo dopoguerra. Già nel primo anno del dopoguerra ne furono prodotte diverse migliaia, questa volta con un magnete di nostra produzione situato nel volano e un carburatore dell'azienda cecoslovacca Jikov.